Le controversie di lavoro possono essere risolte per via stragiudiziale oppure in Tribunale, rivolgendosi ad un avvocato per le cause di lavoro.

Quando due parti sono in lite per un conflitto di lavoro – per esempio nelle liti fra datore di lavoro e lavoratore subordinato, fra dirigente e azienda, fra lavoratore autonomo e committente, fra cooperativa e socio lavoratore di cooperativa – e non è possibile trovare un accordo per via stragiudiziale, la legge prevede che le parti risolvano la controversia davanti al giudice. L’avvocato del lavoro quindi assiste il suo cliente nei vari gradi di giudizio: processi di primo grado, appello e Cassazione.

Il primo appuntamento in Studio è gratuito

Sono appassionato di diritto del lavoro da sempre e in questi 25 anni di pratica quotidiana ho difeso in Tribunale aziende, lavoratori e lavoratrici in tutti i livelli di giudizio, agendo sempre nel loro interesse e per la loro soddisfazione. I miei collaboratori ed io valutiamo con concretezza ogni singolo caso, chiarendo quali sono i pro e i contro di ogni scelta e, laddove si intravede la possibilità di intentare una causa di lavoro, soppesiamo le reali possibilità di vittoria. In quanto avvocato sono abilitato a patrocinare le cause in Corte di Appello e avanti la Corte di Cassazione. Nella mia carriera ho seguito pratiche giuslavoristiche e di diritto sindacale avanti alle Preture, Tribunali e Corti di Appello di Bologna, Milano, Padova ed altre sedi del centro-nord Italia.

Avv. Sergio Palombarini
Avvocato titolare, Studio Legale Palombarini

Avvocato del lavoro Bologna è il sito dell’Avvocato Sergio Palombarini, giuslavorista, per quattro anni Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Bologna e Socio di Ager-Agi, Avvocati giuslavoristi dell’Emilia Romagna, emanazione regionale della Associazione Avvocati giuslavoristi italiani.

Patrocinio in giudizio per le aziende del settore privato

I titolari d’azienda in lite con un singolo lavoratore possono rivolgersi ad un avvocato per intentare una causa di lavoro. In base alla situazione e agli obiettivi del suo cliente, l’avvocato giuslavorista potrà consigliare prima un accordo per via stragiudiziale oppure di agire subito davanti al giudice.

I conflitti che normalmente sfociano in questa situazione sono:

  • sanzioni disciplinari
  • licenziamenti per giusta causa
  • licenziamenti per giustificato motivo oggettivo
  • licenziamento collettivo (legge 223 del 1991)
  • controversie legate all’orario di lavoro
  • controversie sulla sicurezza sul lavoro e sulla salute sul posto di lavoro
  • controversie sui contratti di lavoro
  • controversie economiche
  • controversie su malattia, maternità e permessi parentali
  • rapporti con i sindacati e permessi sindacali
  • controversie sull’inquadramento contrattuale e definizione dei rapporti di lavoro (subordinato o autonomo)
  • infortuni sul lavoro

Difesa in giudizio per lavoratrici, lavoratori subordinati e soci di cooperativa

Quando le parti non riescono a trovare un accordo, la decisione viene rimessa al giudice. I conflitti che normalmente portano il lavoratore subordinato a citare in giudizio il datore di lavoro sono:

  • licenziamenti
  • sanzioni disciplinari
  • controversie legate all’orario di lavoro
  • controversie sulla sicurezza sul lavoro e sulla salute sul posto di lavoro
  • controversie sui contratti di lavoro
  • controversie economiche
  • controversie su malattia, maternità e permessi parentali
  • infortuni sul lavoro

Patrocinio davanti al giudice per lavoratori autonomi e dirigenti

Le ragioni che spingono autonomi e dirigenti che decidono di intentare una causa all’azienda – dopo che la via stragiudiziale è fallita o quando l’avvocato del lavoro consiglia di agire in giudizio sono:

  • costituzione, esecuzione e risoluzione del rapporto di lavoro
  • inquadramento contrattuale
  • definizione dei rapporti di lavoro (subordinato o autonomo)
  • risoluzione del rapporto di lavoro

Il primo appuntamento in Studio è gratuito